SIMBOLI WICCA

17.90

in agata nera

2 disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri
Aggiungi alla lista dei desideri

Descrizione

Set da sei, in borsa di velluto.
Prodotti fatti a mano: colori e forme possono variare leggermente.

Wiccans, Pagani e streghe di ogni epoca e tradizione utilizzano i simboli per molte cose, come ad esempio rituali, incantesimi, cerimonie, e anche nella vita di tutti i giorni. Ci sono molti simboli diversi con molti significati diversi. Ogni simbolo ha un significato fondamentale, ma tutti significano varie cose e rappresentano sentimenti e azioni diversi per le varie persone.

Significato dei sei simboli:

La stella a cinque punte in un cerchio è il simbolo pagano più comune, ed è in genere utilizzato per identificare se stessi come pagano o Wiccan. Le cinque punte rappresentano i 4 elementi più lo spirito, e il cerchio li collega. Una stella a cinque punte senza cerchio è talvolta chiamato pentagramma o pentacolo. Basate sulla numerologia, le cinque punte significano che il pentacolo simboleggia l’elemento Terra e può essere usato come simbolo della terra su un altare.
La luna tripla è un simbolo della Dea che rappresenta la Vergine, la Madre, e l’anziana Crone come la luna crescente, piena e calante. Si è anche associata all’energia femminile, al mistero e alle abilità psichiche. Spesso questo simbolo si trova su corone o altri copricapi particolarmente amati dalle Alte Sacerdotesse.
Il significato breve e tradizionale per il simbolo Ankh è “vita eterna”. Questo simbolo è un geroglifico visto in innumerevoli antiche sculture egizie, solitamente tenuto in mano da dei e faraoni per mostrare come essi presiedano alla vita (cioè, siano immortali). In queste immagini, la ankh è tenuta dall’anello piuttosto che dalla base. L’ankh è un simbolo popolare tra i Pagani, probabilmente a causa della somiglianza con una croce cristiana, che rende l’ankh molto meno scioccante degli altri simboli, ad es. rispetto a un pentacolo.
Ci sono molte variazioni sul simbolo del Triskele di base (o tripla spirale). Quello qui illustrato è molto semplice per illustrare l’aspetto di base del simbolo. Il Triskele è un simbolo celtico, e simboleggia il potere di vita e di rinascita. Esso combina la spirale (spesso usata per illustrare il ciclo di vita) e il numero 3 è un numero sacro, come si vede nelle fasi della tripla dea. Questo simbolo è indicato anche come Triskelion.
Il simbolo del Dio Cornuto (sole e luna) è  spesso usato nella Wicca per rappresentare l’energia maschile del dio. E’ un simbolo archetipo, come spesso visto in Cernussos Herne, e altri dei della vegetazione e della fertilità. In talune tradizioni Wicca femministe, come nel dianismo, questo simbolo è in realtà rappresentativo de l”Corno di luna”  di Luglio (noto anche come Luna benedicente ), ed è collegato alle dee lunari.
In termini di spiritualità, il simbolo della Spirale può rappresentare il percorso che conduce dalla coscienza esterna (il materialismo, la consapevolezza esterna, l’ego, la percezione verso l’esterno) all’anima profonda (illuminazione, essenza invisibile, nirvana, consapevolezza cosmica).
I movimenti tra mondo interno (intuitivo, immateriale) ed esterno (materia, che si manifesta) sono mappati dalla spirale di anelli archetipici; che segna l’evoluzione del genere umano sia su scala individuale e collettiva.
Inoltre, in termini di rinascita o crescita, il simbolo della spirale può rappresentare la consapevolezza della natura a partire dal nucleo, o centro, ed espandendosi così esteriormente. Questo è il senso di tutte le cose, come riconosciuto dalla maggior parte dei mistici.
Per ottenere una consapevolezza più ampia del significato della spirale, possiamo contemplare la sua comparsa nel mondo della natura.
Il simbolo del Dio Cornuto è spesso trascurato nella Wicca, perché le persone sembrano credere che la Wicca sia strettamente una religione Dea. Anche se questo può essere vero in alcuni casi (la tradizione del dianismo), uno dei principali capisaldi della Wicca è l’equilibrio tra tutte le cose: chiaro / scuro, amore / odio, negativo / positivo, calice / spada, … Dea / Dio.